Skip to content

Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che è sostenibile

"La moda è un linguaggio che può essere usato per comunicare se stessi. In molti casi è un linguaggio che non usiamo , ma da cui ci facciamo usare. In alcuni casi, seguire la moda è una necessità per essere accettati da un contesto, ma è sempre una nostra libera scelta o così dovrebbe essere."

Di Alessandra Gallo ho un’immagine di donna libera, forte, di quella forza che si costruisce nel tempo, tra le svolte della vita.

Le nostre vite si sono incrociate una sera a Roma di qualche anno fa.

Di Alessandra Gallo ho un’immagine di eleganza curata, portata nel mondo in forma del tutto personale, originale.

Come è originale Alessandra nel suo rapporto con il caffè, che da qualche tempo usa come “cura di bellezza fai da te … polvere dello scarto della moka con un po’ di crema idratante come impacco per le occhiaie” – mi confida. Ma quando si tratta di berlo, il caffè Alessandra lo preferisce tradizionale: “mi piace molto il caffè, me lo godo a colazione … una caffettiera da due solo per me.” E anche nei suoi viaggi in giro per il mondo, l’obiettivo rimane non tanto di trovare cibo italiano, “ma il caffè, quello si!!”

Fashionable Green moda sostenibile

E se il caffè è un rituale di bellezza da poco per Alessandra, la sua passione per il bello è da sempre: “non inteso soltanto in senso estetico, ma come eleganza, equilibrio, personalità, ed ora anche come valore etico”.

È questo amore per la bellezza che ha portato Alessandra a lavorare nel settore fashion. In un percorso di cambiamento e crescita in cui il fattore moda ha acquisito spessore e significato nel tempo: da product manager in una azienda (“un ponte tra l’ufficio stile e la parte commerciale/marketing”, precisa), Alessandra è diventata consulente di immagine e personal shopper con l’avvio della agenzia The shopping stylist assieme a Lorenza Strini. Un percorso in cui la sensibilità ambientale di Alessandra è cresciuta, tanto da farle dire “oggi per me il concetto di bellezza si è legato al concetto di sostenibile, di non inquinante”. Vera svolta nel cammino di Alessandra, quando ammette “non potevo continuare a fare la consulente tradizionale, che segue le mode e riempie il guardaroba dei clienti di fast fashion.”

Da una visione ecologica della moda è nato il progetto Fashinable Green a cui Alessandra sta lavorando attualmente: “il mondo della moda”, osserva, “sta comprendendo la necessità di essere sostenibile sia dal punto di vista ambientale che etico. Il mio impegno ora è far conoscere marchi, i nuovi filati e materiali, le certificazioni, per permettere al consumatore di scegliere in modo consapevole”.

Attività di consulenza che Alessandra rivolge sia ai privati che ai negozi e alle aziende produttrici: “il mio passato di product manager mi permette di consigliare che marchi aggiungere in un negozio, come sviluppare una capsule collection sostenibile all’interno di un marchio di abbigliamento. La consulenza parte sempre dalla conoscenza del prodotto – brand o materiale/ filato che sia -, passa per l’analisi del contesto, per poi proporre il progetto di rinnovamento adeguato all’ambito analizzato. Questo processo vale per un guardaroba, per un negozio e per la collezione di un brand.”

Un percorso, quello di Alessandra, che va a braccetto con la sua parola-ispirazione (e che conferma la mia prima impressione su di lei!), libertà: “libera di seguire le mie passioni e i miei sentimenti. Libera di dire ciò che sento e di fare ciò che mi rende felice. Questo mi ha portato anche a cambiamenti nella mia vita, grandi e piccoli. Mi ha portato a fare scelte non sempre comode. Questo consiglierei a chi non ha trovato ancora la propria strada, di guardarsi dentro con libertà, non censurarsi, ogni sentimento ha una logica, magari scomoda, ma ha un motivo. Ed è l’unica strada per rendersi felici.”

Moda sostenibile: ha valore per te? Raccontacelo in un messaggio qui sotto 🙂

Alessandra Gallo, la trovi qui:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
176 Views

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *