Skip to content

L’uomo roccia

La poesia di aprile 2021

L’uomo roccia

L’uomo roccia ha scavato negli anni

storie di radicamento,

versato i sensi su sentieri e strade

sdrucciolose,

percorso esistenze con palmi aperti

di mani a sostenere corpi,

una meta sempre da raggiungere.

L’uomo roccia ora si fa quercia

sicura mi solleva con mani pareti

nodose, scioglie i nodi

della prudenza,

sorvola le incertezze

e mi adagia sul letto prato,

cauto a non spezzarmi.

L’uomo roccia ha l’acciaio

nelle ossa,

costruisce ripari

di pietra,

ci germoglia dentro.

Adesso germoglia anche me.

Inedito, Firenze 2019.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
238 Views

1 Comment

  1. Meraviglia!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *