Skip to content

Amare (per tutte le volte)

La poesia di ottobre 2021

Amare (per tutte le volte)

Quella parvenza tua d’amore,

nell’assetato assedio della bocca fino a franarmi dentro.

Le parole che non si sollevano dal cervello quand’io le cerco

e ti fermentano nel ventre tremulo bianche di spavento.

Quel sapore d’acre menzogna e risa,

nel fiato ch’esala da due labbra trattenute al tocco.

 

Volerti,

o meno.

Amarti,

o meno,

nelle urla disperate di distanza

tua mancanza nera nella notte.

 

Poi quel grumo di desiderio che ti fa pedalare a dita fredde

e rincorrere il mio odore fino a casa.

La messinscena d’amore che lenisce l’assenza a colpi d’anca.

 

Averti,

o meno.

Amarti,

o meno,

nelle mani disperare di aderenza

tua presenza disattenta nella notte.

 

Per tutte le volte in cui ho pensato, “ti amo”.

Per tutte le volte in cui ho sussurrato, “rimani”.

Per tutte le volte in cui sei sgusciato dall’abbraccio,

i resti del sesso ancora tiepido a scaldarmi le ossa.

Per tutte le volte in cui non ti sei lasciato amare.

 

Inedito, Mestre 2014.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
212 Views

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

212 Views