Skip to content

Vite parallele

La storia di Elenia

Elenia, un nome insolito, in parte inventato ma dichiarativo di tutto ciò che sono.

Di origine ellenica sembra abbia un significato quasi celestiale: luminosa come una stella; in effetti ho sempre creduto di avere origini straniere, ma addirittura ultraterrene, chi mai se lo sarebbe immaginato!

Eppure qualche indizio c’era… quella sensazione di estraneità, di essere così diversa dal resto della famiglia era sempre lì che pizzicava il cervello e non era sufficiente una grattatina alla testa per farla scomparire.

Dopo ampie e accurate ricerche l’ipotesi di adozione era stata abbandonata (troppe foto da neonata e troppe somiglianze con la famiglia paterna) e per sopravvivere al caos interiore ho iniziato a crearmi dei mondi alternativi, dove le cose erano davvero luminose.

Credo che in fondo vivere delle vite parallele sia stata l’arma segreta per non affondare mai del tutto, per ritrovarmi anche quando non c’era alcuna stella nel mio cielo a segnare la strada verso casa.

Di strade ne ho percorse molte e ne cerco sempre di nuove perché la mia casa non è mai abbastanza grande per contenere tutti i miei mondi, o almeno quelli a cui aspiro raggiungere.

E questo mi piace perché mi ricorda sempre che io sono Elenia, un maschio mancato per mio padre, una femmina difficile per mia madre, una scrittrice nel cuore, una sognatrice per professione e una paladina della giustizia a tempo perso.

Di cause ne ho perse molte, ma chissà perché io le vedo comunque delle vittorie, visto che sono ancora qui a raccontarvele.

Elenia Peruffo si occupa da vent’anni di educazione e tematiche sociali.

La trovi qui:

https://www.facebook.com/philopedagogy

o su LinkedIn.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
114 Views

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *